È morto a 80 anni Mario Zanni, il gestore del ‘Bar Mario’ di San Martino in Rio, in provincia di Reggio Emilia, reso eterno dalle canzoni di Ligabue. È lui, infatti, il gestore del ‘Bar Mario’, canzone del 1988 e lo stesso di ‘Certe Notti’ del 1995. Grazie al successo delle canzoni Ligabue il ‘Bar Mario’ era diventato un luogo di ritrovo per molti fan del cantautore. Ancora oggi, nonostante il locale avesse cambiato gestione, sono in tanti i visitatori e curiosi che fanno tappa nel locale di via Forche.

Il Resto del Carlino racconta che Ligabue aveva iniziato a conoscere il bar con la sua band, gli Orazero, che lo aveva trasformato in una tappa fissa dopo le prove in una ex stalla lì vicino, a Lemizzone. Quello che succedeva in quelle serate, in cui si tardava con gnocco fritto e bevande, sono le storie divenute immortali dalla canzone ‘Bar Mario’: “Mario d’un colpo di straccio al banco del bar… Mario sputa e tira fuori i conti del bar… Mario manda tutti a nanna e poi chiude il bar”.

La figura di Mario era anche comparsa nel primo film di Ligabue, Radiofreccia (1998). Il regista-cantautore l’aveva voluto rappresentare come il barista che filosofeggiava dal bancone, con il volto e la voce di Francesco Guccini.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, la pandemia raccontata da Franco “Bifo” Berardi tra tenerezza, rabbia e provocazioni

next
Articolo Successivo

Kayleth, un viaggio allucinato tra realtà e fantascienza

next