Ma quello che più preoccupa è l’efficacia di quei controlli: su un totale di poco più di 508mila accertamenti ai fini delle imposte sui redditi e dell’Iva (inclusi quelli automatizzati), “ben 259.133, pari al 51% del totale, hanno dato luogo ad un recupero (potenziale) di maggiore imposta ricompreso tra 0 e 1.549 euro“. Valore che comprende anche i casi con esito negativo e quelli poi annullati. Insomma, il bottino in troppi casi è meno di una goccia nel mare e le risorse già scarse dell’Agenzia vengono impiegate in attività che non scalfiscono affatto la montagna dell’evasione. E gli evasori se non grandi almeno “medi”? Il numero di verifiche che hanno consentito di accertare una maggiore imposta dovuta superiore a 15,5 milioni di euro si ferma a 57.

“È di tutta evidenza come l’elevato numero di controlli dall’esito marginale renda necessaria un’approfondita analisi, allo scopo di individuare in modo puntuale le cause del fenomeno e le misure idonee a rendere maggiormente proficua l’azione di accertamento”, è il commento delle Sezioni riunite. Che danno un indizio: l’attività di verifica esterna – accessi brevi, controlli mirati, verifiche fiscali – di norma è più proficua rispetto alle indagini interne, ma tra 2018 e 2019 proprio i controlli esterni sono diminuiti dell’11,6%, a soli 28.212.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bonus baby sitter, Inps: “Anche per nonni e zii, purché non siano conviventi”. Ecco come richiederlo

next
Articolo Successivo

Dl Rilancio, ok ai risparmi privati nel patrimonio di Cdp per gli aiuti alle imprese. Prorogato il blocco degli sfratti

next