Il direttore delle Entrate Ernesto Maria Ruffini – tornato quest’anno al vertice dell’Agenzia dopo che il governo gialloverde lo aveva sostituito – è convinto che per cambiare verso basti volerlo: “Credo che il Parlamento e il governo possano accettare la sfida di dimezzare l’evasione fiscale nel giro di una legislatura, 5 anni”, ha detto in audizione nella commissione Finanze della Camera. Per farlo basta “chiudere il perimetro dell’innovazione tecnologica, della trasmissione e valorizzazione dei dati”, ha garantito. Ma l’utilizzo “preventivo e persuasivo” dei dati è solo una parte della soluzione indicata dalla Corte dei Conti. Secondo cui occorre anche estendere l’obbligo di fatturazione elettronica ai contribuenti in regime forfettario (quelli che stanno sotto il tetto dei 65mila euro di ricavi e hanno potuto optare per la flat tax) ed è indispensabile mettere in campo “una diversa modalità realizzativa dell’attività di controllo fiscale”. Le Sezioni riunite non sembrano sperarci, a dire il vero: “Al miglioramento della qualità dell’azione di accertamento non si accompagnerà con ogni probabilità un significativo incremento numerico delle posizioni controllate”, scrivono, “a causa dei limiti operativi nei quali versa oggi l’Amministrazione”. Che all’1 gennaio poteva contare su “appena 174 dirigenti (pari al 32% della dotazione organica ridotta)” in attesa che si concluda il concorso per reclutarne altri. Assunzioni previste non prima della seconda metà del 2021.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bonus baby sitter, Inps: “Anche per nonni e zii, purché non siano conviventi”. Ecco come richiederlo

next
Articolo Successivo

Dl Rilancio, ok ai risparmi privati nel patrimonio di Cdp per gli aiuti alle imprese. Prorogato il blocco degli sfratti

next