Un posto come tanti. Un posto che non somiglia ad altri posti. Un posto per cantare e ballare insieme a una band conosciuta o a qualcuno che si esibisce per la prima volta su un palco. Un posto che i musicisti, quelli che girano l’Italia a bordo di un furgone marcio ma grande (perché loro hanno progetti grandiosi), potrebbero raccontare in ogni dettaglio: i locali dove si ascolta musica live hanno cento caratteristiche in comune e cento unicità. Chiude il Serraglio, un locale milanese dove la staffetta tra famosi e perfetti sconosciuti ha dato possibilità alla musica di trovare posto. Via Gualdo Priorato. Ragazzi fuori che aspettano di entrare quando arriva la band o il cantautore. Ragazzi dentro che aspettano di uscire quando arriva la band o il cantautore. Birre e chiacchiere. Un posto come tanti. Un posto che non somiglia ad altri posti. La crisi del settore musicale è conclamata, conosciuta, urlata. Qui su FQmagazine, da mesi, ci occupiamo di sostenere e tutelare questo mondo che soffre come pochi altri. E accanto ai grandi live e ai lavoratori fragili lasciati a casa non si sa per quanto, ci sono i locali ‘piccoli’. Quelli dove pure i live erano ‘piccoli’, ma bellissimi. Quelli che non ce l’hanno fatta ad adeguarsi alle norme anti-covid. Oppure sì. Ma non è servito a niente: “Il Serraglio saluta. Anche per noi l’avventura finisce qui, ci abbiamo provato fino all’ultimo respiro ma abbiamo perso – si legge in un post pubblicato su Facebook che per chi ama la musica è come un cazzotto sui dentiGrazie, grazie davvero a tutti quelli, che standoci vicini ci hanno aiutato a crescere. Non abbiamo intenzione di fare nessuna filippica sul perché e percome, è sotto gli occhi di tutti. Forse, se possiamo permetterci, vorremmo dare un consiglio: ricominciate a vivere la musica con il piacere di farla a prescindere da tutto. Le piccole realtà hanno bisogno di spirito positivo di creatività e passione, che per noi è la base di tutto. Poi subentra la professione e il lavoro. E voi pubblico, smettetela di seguire solo gli hype dei vari momenti e siate curiosi, ci sono così tanti bravi artisti che non hanno la minima possibilità solo perché non sono abbastanza fighi sui social. Imparate a vivere i club con il piacere di scoprire, socializzare, aiutando talenti dal vivo e non attraverso i like virtuali. Questo periodo dovrebbe averlo dimostrato in pieno. Buona vita a tutti“. Che vuoi aggiungere? Forse, per dirla alla Nick Hornby, si potrebbe tornare a provare a corteggiare le canzoni. Corteggiare. Proprio così. Nella vita vera: niente hype, niente social. Andiamo nei locali (rispettando le regole) e stiamo a sentire. Se torniamo a innamorarci per davvero della musica e a dare battaglia per sentire chi la fa, sia un big o un perfetto sconosciuto che viaggia su un furgone grande per fare spazio ai suoi progetti grandiosi, magari funziona. Almeno un po’. Perché di “Serraglio” è piena l’Italia e fare il modo che queste oasi di musica, di vita, di cultura possano sopravvivere a questa crisi è battaglia da vincere.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

I Kinks, precursori del garage rock, hanno seminato molto più di quanto abbiano raccolto

next
Articolo Successivo

Concerti in streaming a pagamento e il ritorno dei grandi eventi: ecco cos’è “Heroes – Il Futuro Inizia Adesso”

next