Nel monologo di apertura dell’ultima puntata di Fratelli Di Crozza – in onda il venerdì in prima serata sul NoveMaurizio Crozza commenta i principali fatti di attualità politica e presenta la classifica dei politici più graditi dagli italiani: “Al primo posto Giuseppe Conte: è elegante e va in televisione più della Gruber. Appena trova uno che gli scriva i testi non c’è più partita. In seconda posizione c’è la ‘Tigre della Garbatella’, Giorgia Meloni, che sale da settimane. Al quarto c’è Salvini, ma chi c’è al terzo posto fra i leader più graditi dagli italiani? Cioè chi è quel grande statista che ha osato scalzare Salvini dal podio? Roberto Speranza, l’invisibile: non compare mai, è l’unico ministro della Salute al mondo che non s’è fatto vedere neanche durante una pandemia. Speranza è come Elena Ferrante: non esiste, ma entra in classifica”.

Live streaming, episodi completi e clip extra su Dplay.com (http://it.dplay.com/)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crozza-Conte e il suo progetto impossibile per far ripartire l’Italia: “Colpire evasori, abbassare l’Iva? L’unica cosa su cui c’è accordo è non fare niente”

next
Articolo Successivo

Lorella Cuccarini dà del maschilista ad Alberto Matano. Ma le donne della redazione lo difendono

next