Il David di Michelangelo con i tatuaggi sul volto, stile trapper. È una delle monumentali sculture di Fabio Viale, che reinterpreta i marmi della classicità con l’inchiostro sotto la pelle, mescolando l’ideale classico della bellezza con lo stile ‘criminale’ a quello ‘giapponese’ dell’antica arte dei tatuaggi. Per ammirare le sue opere non c’è bisogno di entrare in una galleria, basterà farsi una passeggiata per la città di Pietrasanta (Lucca) in Versilia: il 27 giugno, dalle 18 in piazza Duomo, verrà inaugurata la mostra itinerante “Truly”. Il progetto dello scultore piemontese coinvolgerà tutti i luoghi simbolo della città e una ventina di opere saranno disposte tra la piazza del Duomo, la chiesa e il Chiostro di Sant’Agostino. A queste se ne aggiungerà un’altra che sarà posta all’ingresso del Pontile di Marina di Pietrasanta per tutta la durata della mostra, prevista fino al 4 ottobre.

Promossa dal Comune di Pietrasanta, con il sostegno della Galleria Poggiali e curata da Enrico Mattei, la mostra ripropone alcune opere già conosciute dell’artista e dà il benvenuto ad altre, come Le Tre Grazie che verranno poste alla chiesa di Sant’Agostino; una scultura in marmo bianco, raffigurante tre donne originarie dalla città di Ghardaia in Algeria, costrette ad indossare un burka fino ai piedi, che lascia scoperto un solo occhio, in contrapposizione con la libertà (e la nudità) del celebre trio originale. Oppure il David di Michelangelo tatuato, uno stile già sperimentato da Viale, che verrà posizionato in piazza Duomo.

La Toscana ha un rapporto speciale con l’arte della lavorazione del marmo: per le cave, e per essere stata scuola e culla di celebri artisti (vedi alla voce: Michelangelo Buonarroti). “Come in un cortocircuito – spiega il curatore della mostra, Enrico Mattei – l’artista riesce a sovvertire la storia degli equilibri estetici che siamo abituati a contemplare nella scultura: un bello classico e ideale che nessuno prima di lui aveva pensato di rivoluzionare con un’altra tradizione, forse anche assai più antica, quella del tatuaggio”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lo Scaffale dei Libri, la nostra rubrica settimanale: diamo i voti a Bacà, Duran, Haig

next
Articolo Successivo

Milton Glaser, è morto il celebre graphic designer e autore del logo “I love New York”. Suo il poster di Bob Dylan del 1967, fu allievo di Giorgio Morandi

next