Una protesta coreografica e musicale per dire no ai tagli alla sanità. È la manifestazione andata in scena a Torino, sotto al palazzo della Regione Piemonte. La volontà, spiegano, è quella di far capire all’amministrazione a guida Alberto Cirio, la crisi a cui la sanità pubblica sta andando incontro, “nonostante l’impegno nella lotta al coronavirus”. “La sanità senza medici è come una banda senza strumenti”, è lo slogan dei medici in protesta che hanno esibito bandiere, striscioni ma anche strumenti musicali, appunto. Secondo una delle rappresentanti presenti in piazza, infatti, “dal pubblico si licenzia in media un medico al giorno“. Un esodo che porta molti a voler lavorare nel privato, o nella medicina territoriale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La gatta senza nome e i suoi gattini hanno trovato un rifugio: ora ci vuole una casa

next
Articolo Successivo

Alex Zanardi, la lettera di papa Francesco: “Grazie per aver dato forza a chi l’aveva perduta. Prego per lui e per la sua famiglia”

next