“Siamo chiamati a garantire giustizia ai cittadini e firmiamo sentenze in nome del popolo italiano, ma in cambio riceviamo compensi da fame. Durante il lockdown, con i tribunali chiusi, ho guadagnato meno di chi percepisce il reddito di cittadinanza”. Lo sfogo di Agostino Colucci, 51 anni, giudice di pace in servizio al tribunale di Avezzano, è quello di chi lavora per conto dello Stato in un ambito delicatissimo ma senza nessuna tutela, e con un riconoscimento economico che raggiunge a fatica i tre zeri, soprattutto in provincia.

Sono i precari della giustizia, i giudici di pace, e come i precari di tutti settori sono stati travolti dalla crisi economica scatenata dall’emergenza sanitaria: “In marzo avevo ancora del lavoro arretrato, ma dal mese di aprile, con i tribunali chiusi e tutte le udienze rinviate, la situazione è precipitata”, spiega Colucci. “Io personalmente ho guadagnato 451 euro lordi in un mese. Il governo lo sa con quanti soldi è costretto a vivere chi manda avanti la giustizia italiana e prende decisioni che hanno un impatto sulla vita dei cittadini?”.

Nell’ordinamento italiano quello del giudice di pace è considerato lavoro autonomo e volontario, dunque niente ferie nè giorni di malattia e nessun tipo di trattamento previdenziale. “Siamo pagati in base alle sentenze che depositiamo. Per guadagnare 1000 euro al mese bisogna arrivare almeno a 20, e questo comporta un carico di lavoro importante. Quando un cittadino chiede giustizia davanti al giudice di pace, vuole che il processo sia all’altezza, regolare e veloce. Ecco, sappiate che a giudicare ci sono professionisti laureati in legge che dopo aver studiato e letto faldoni di carte e documentazioni guadagnano 43 euro per ogni sentenza che scrivono”. Questa giustizia a cottimo doveva essere in parte modificata dal decreto approvato nel 2017, che prevedeva per loro un’indennità fissa, ma l’entrata in vigore è slittata fino al 2021.

Il tribunale di Avezzano, dove Colucci presta servizio, ha ripreso a funzionare in maggio, ma con una serie di misure anti-contagio che ne hanno ridotto sensibilmente i ritmi di lavoro. Ad esempio, ad ogni giudice è permesso fare solo un’udienza a settimana. “Pochissimi procedimenti sono andati a sentenza e sarà così anche nei prossimi mesi, almeno fino a quando saranno in vigore queste misure”. E ora arriva l’estate, un periodo in cui anche prima della pandemia i giudici di pace non raggiungevano uno stipendio dignitoso: “Ad agosto 2019 ho guadagnato meno di 700 euro lordi. Se tutto va bene una minima ripresa ci sarà in settembre, quando saremo alla fame”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La festa dei 10 anni de ilfattoquotidiano.it, Gianna Fracassi (Cgil): “Per affrontare la crisi, serve maggior protagonismo dello Stato. Anche nelle filiere strategiche”

next
Articolo Successivo

Made in Italy, questo Paese deve prepararsi a uscire dalla sudditanza industriale

next