“In occasione delle elezioni politiche del marzo 2018 sono stato cercato due volte, una volta qualche mese di distanza, eravamo nel periodo estivo, settembre 2017 l’onorevole Di Maio chiese di incontrarmi, e venne a Palermo. Poi successivamente, poche settimane prima delle elezioni Di Maio chiese di incontrarmi e ci incontrammo qui a Roma. Mi venne chiesta la disponibilità nell’eventualità in cui il Movimento 5 stelle del quale l’onorevole era capo politico, fosse andato al governo, ad accettare un incarico di ministro”, così Nino Di Matteo in audizione in commissione parlamentare antimafia. “La prima volta era stato fatto riferimento in maniera alternativa, indistinta, o alla carica di ministro della Giustizia o dell’Interno. La seconda volta fu molto più preciso e mi propose di accettare il ruolo di ministro dell’Interno”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Di Matteo in Antimafia: “Esclusione pool Stragi? Non ho violato segreti. Intervista incriminata è precedente alla riunione con De Raho”

next
Articolo Successivo

Di Matteo: “Quando indagavamo sulla Trattativa il Quirinale voleva un contatto con la procura. Il possibile mediatore poteva essere Palamara”

next