“Se i manager non vanno in galera, la gente continuerà a morire. Nessuno pagherà e potranno continuare a fare quello che vogliono”. Rosina Platì è la madre di Giuseppe De Masi, uno dei sette operai morti nel rogo della Thyssen nel 2007. Ha saputo da poco che i due manager tedeschi Harald Espenhahn e Gerald Priegnitz, condannati per la morte dei sette operai, potranno godere del regime di semi libertà: “La nostra lotta non si ferma qui. Ci stanno prendendo in giro, andremo a incatenarci a Roma e se fosse necessario andremo a Essen per farci sentire”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rapallo, l’ombra della camorra sul più grande porto turistico d’Italia: “80 yacht distrutti dalla mareggiata recuperati e smaltiti illegalmente”

next
Articolo Successivo

Rogo Thyssenkrupp, dalla condanna in Italia alle leggi tedesche: così i due manager non passeranno neanche un giorno intero in cella

next