“Se i manager non vanno in galera, la gente continuerà a morire. Nessuno pagherà e potranno continuare a fare quello che vogliono”. Rosina Platì è la madre di Giuseppe De Masi, uno dei sette operai morti nel rogo della Thyssen nel 2007. Ha saputo da poco che i due manager tedeschi Harald Espenhahn e Gerald Priegnitz, condannati per la morte dei sette operai, potranno godere del regime di semi libertà: “La nostra lotta non si ferma qui. Ci stanno prendendo in giro, andremo a incatenarci a Roma e se fosse necessario andremo a Essen per farci sentire”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rapallo, l’ombra della camorra sul più grande porto turistico d’Italia: “80 yacht distrutti dalla mareggiata recuperati e smaltiti illegalmente”

next
Articolo Successivo

Rogo Thyssenkrupp, dalla condanna in Italia alle leggi tedesche: così i due manager non passeranno neanche un giorno intero in cella

next