Duro attacco del presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, al governo Conte 2 sulla fondazione degli Stati Generali dell’economia e sul rinvio del referendum relativo al taglio dei parlamentari e del voto regionale e comunale a settembre. Nel suo consueto appuntamento settimanale sulla propria pagina Facebook, il politico premette: “Faccio una rapida battuta sulla situazione nazionale giusto per non perdere l’abitudine al masochismo. Da Roma ci arriva un quadro di grande confusione che ci convince ancora di più della necessità di prepararci nei nostri territori a risolvere i nostri problemi per quanto possibile”.

Poi l’affondo sarcastico sugli Stati Generali: “Dureranno 10 giorni, cioè quanto un concilio ecumenico. Se qualcuno di noi aveva dubbi sulla decisione di sburocratizzare tutto, questa scelta di un confronto dalla durata di 10 giorni toglie ogni dubbio. Davvero siamo entrati pienamente nella società digitale. Avremo motivo di grande consolazione in questi giorni dopo questa sorta di concilio di Nicea, da cui riceveremo tante tante certezze e soprattutto tanta semplificazione del nostro Paese”.

De Luca inasprisce i toni quando tocca il tema del rinvio del voto, così come chiesto dal M5s e dalle forze dell’opposizione di centrodestra: “E’ uno scandalo istituzionale di proporzioni enormi, più o meno nell’indifferenza generale. Siamo alla più totale irresponsabilità. In qualunque altro Paese civile ci sarebbe una rivolta. I presidenti delle Regioni avevano chiesto di andare al voto nell’ultima settimana di luglio, che era la cosa più seria, più logica, più razionale per poi stare tranquilli con l’apertura dell’anno scolastico e per affrontare il problema delle vaccinazioni nel mese di settembre. Hanno detto di no – spiega – La motivazione è che la situazione di emergenza dura fino a luglio. In realtà, lo stato di emergenza è stato cambiato 100 volte: si aprono le palestre, i mercati, i campi di calcio, le discoteche, le sale da ballo, le spiagge. Si apre tutto, ma l’unica cosa che avrebbe assicurato una tranquillità dal punto di vista sanitario, e cioè l’esercizio del voto, non viene consentita. La verità è che tutte le forze politiche di questo Paese sono contrarie al voto perché hanno paura di andare a votare. M5s vuole menarla per le lunghe, la Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia sono contrari e dunque andremo a votare a settembre E il governo non dice niente“.

E rincara: “Non ci sono parole per esprimere il livello di irresponsabilità e di cialtroneria del mondo politico italiano, in tutte le sue componenti con diverse gradazioni di irresponsabilità. Dunque, noi ci prepariamo a questa vergogna istituzionale. Nessuno dà una motivazione, anzi l’Iss aveva detto che la data più ragionevole del voto era la prima metà di settembre. Hanno invece deciso che la finestra per il voto sarà dopo il 15 settembre. Una vergogna. Pensate che l’opinione pubblica e il mondo dell’informazione – prosegue – stiano domandando qual è la ragione di questa vergogna? No. Ma la sappiamo tutti quanti: hanno paura di andare a votare. Quindi, preparatevi alla consumazione di questo delitto. Le forze politiche nazionali se ne infischiano del mondo della scuola e hanno deciso di calpestare il mondo della scuola, le famiglie e gli studenti”.

Il presidente campano chiosa: “Finirà come sempre in Italia: faremo finta di fissare delle regole, sapendo che quelle regole non potranno essere rispettate. Dunque, da Roma verrà un atto di totale disprezzo per il mondo della scuola, per le famiglie, per i cittadini elettori. Una vergogna indegna di un Paese civile. Però siamo in Italia. Dopo 2 mesi di emergenza abbiamo ripreso lo standard normale del nostro Paese: ammuina, fare finta, burocratismo, porcherie della politica politicante prive di ogni ragione di ogni dignità“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stati Generali, il Piano Colao ripropone il liberismo: occorre cambiare strada

next