Melania, sorridi“. Così ha detto – o meglio ordinato – Donald Trump alla moglie Melania durante un’apparizione pubblica per una visita al santuario dedicato a Giovanni Paolo II a Washington, con uno stuolo di fotografi pronti ad immortalarli. E così la First Lady ha “obbedito” alla richiesta del marito, ma lo ha fatto in un modo assolutamente glaciale, con un sorriso palesemente tirato. Nascosta dietro un paio di occhiali scuri e con il volto tesissimo, Melania Trump è apparsa molto provata dal periodo difficile che stanno attraversando gli Usa, tra emergenza coronavirus e rivolte per l’uccisione dell’afroamericano George Floyd per mano di un poliziotto bianco.

Trump, come suo solito, ha sfoggiato un sorriso sprezzante ma Melania non ci è riuscita a fingere e così ha mostrato una smorfia tutt’altro che spontanea o entusiasta ai fotografi, durata giusto un secondo, il tempo di un flash, poi il suo volto è tornato crucciato. Inutile dire che il video è già diventato un “meme” virale sui social.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Roberto Gervaso morto, addio al “grillo parlante”. Scrittore e giornalista, firmò con Montanelli i primi sei volumi della Storia d’Italia

next