La scena è incredibile, quasi surreale: un orso spunta dai cespugli di mugo alle spalle di un bambino. Ma lui resta tranquillo e guidato dalla voce di chi lo sta riprendendo riesce a mettersi in salvo. La scena è stata ripresa in Trentino. “È stato girato questa mattina attorno alle 11.30 sopra la malga Nova di Sporminore. Eravamo lì intorno ai pini mughi e c’era un orso accucciato, credo, dopo si è alzato quando ha visto il bimbo, io ero un attimo più sotto. Lui è un amante degli orsi e non vedeva l’ora di vederne uno, sapeva già come comportarsi e si è allontanato pian pianino e io sono riuscito a fare il video. È andata così”, racconta all’Ansa l’autore del video. Nelle immagini, che l’emittente locale Trentino Tv ha pubblicato per prima, si sente una donna agitarsi e la voce di altre persone: “Eravamo in quattro o cinque lì e altri tre erano più sotto. Poi c’erano altri due, il nonno era un pò più lontano e lo zio non ha visto niente”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, questura di Agrigento smentisce lo sbarco di 400 persone: “Sono una settantina, l’imbarcazione non poteva contenerne altri”

next
Articolo Successivo

Denis Bergamini, sul caso continua l’omertà

next