Questa mattina circa 200 braccianti hanno sfilato in corteo nelle campagne tra Foggia e San Severo, in occasione dello sciopero dei lavoratori della campagne indetto dal sindacato di base Usb. Una marcia pacifica con cartelli e ortaggi di stagione, per rivendicare il diritto a condizioni di lavoro dignitose e protestare contro i provvedimenti del governo sulla regolarizzazione degli stranieri, giudicato insufficiente e discriminatorio. “Se il Governo non darà delle risposte, a partire da oggi la stagione di raccolta sarà caratterizzata da altri scioperi. E saranno anche del consumo e della spesa” ha detto il sindacalista Aboubakar Soumahoro alla guida della protesta. Un gruppo di manifestanti, a bordo di un pullman, ha poi raggiunto la prefettura di Foggia per consegnare una lettera al prefetto, Raffaele Grassi. Altre manifestazioni si svolte a Torino e a Napoli

video Facebook/Usb

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, in aprile autorizzate 835 milioni di ore di cassa integrazione per Covid. “Dato vicino a quello dell’intero 2009”

next