Giornata di sciopero anche a Napoli, dove un gruppo di braccianti sono scesi in strada e hanno protestato davanti a un supermercato, luogo simbolico, per contestare la regolarizzazione per i lavoratori stranieri prevista dal decreto Rilancio. “E’ una sanatoria prevista solo per alcune categorie di lavoratori come braccianti agricoli e badanti – dicono gli attivisti scesi in piazza con i migranti – e che non tiene conto dei tanti altri ragazzi irregolari sfruttati nei settori come edilizia e ristorazione”. Ma tra le perplessità c’è anche sul capitolo relativo ai costi per presentare la domanda per ottenere il permesso di soggiorno temporaneo (che dovrà essere consegnata dal 1 giugno al 15 luglio). “Se un lavoratore irregolare, senza permesso di soggiorno fa richiesta deve pagare circa 160 euro – ci spiegano gli attivisti – se invece a fare richiesta è il datore di lavoro allora dovrà pagare una sorta di multa di 400 euro e poi dovrà fare un contratto di lavoro. Ma sono già molti i ragazzi a cui è stato chiesto di pagare tutta la cifra per ottenere i documenti. Noi temiamo che alla fine, come avvenuto per l’ultima sanatoria, diventi solo un altro modo per sfruttare ulteriormente questi ragazzi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, in aprile autorizzate 835 milioni di ore di cassa integrazione per Covid. “Dato vicino a quello dell’intero 2009”

next