La Germania è pronta a salvare Lufthansa acquisendo una partecipazione della compagnia aerea e investendo circa 9 miliardi di euro per l’aumento di capitale che risolleverà i conti, piegati anche dal coronavirus. Secondo quanto riporta Der Spiegel, infatti, è stato raggiunto un accordo politico ad alti livelli sulle modalità del salvataggio, che era nell’aria da settimane.

La cancelliera Angela Merkel, il ministro dell’Economia Peter Altmaier e il ministro delle Finanze Olaf Scholz hanno trovato un punto di mediazione prevede che il governo acquisisca una partecipazione del 25,1%, che siano nominati dal governo due membri del consiglio di Sorveglianza e che l’aumento di capitale ammonti a 9 miliardi di euro.

Né Lufthansa né il governo federale hanno commentato le indiscrezioni dell’autorevole quotidiano tedesco. Se l’accordo fosse confermato si tratterebbe di una vittoria della SpD in un negoziato tutt’altro che semplice con Cdu e Unione cristiano-sociale.

I socialdemocratici sostenevano che la partecipazione statale in Lufthansa avrebbe dovuto essere accompagnata dal diritto di voto nel consiglio di vigilanza. I democristiani erano, invece, favorevoli a una partecipazione tacita. L’unico punto che trovava le tre forze politiche d’accordo fin dal primo momento era la portata dell’investimento attorno ai 10 miliardi di euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Recovery Fund, controproposta dell’Austria al piano franco-tedesco: “Saremo solidali. Ma la strada giusta sono i mutui, non i contributi”

next
Articolo Successivo

Fondo salva Stati, Cipro annuncia che chiederà un prestito per spese sanitarie: è il primo Paese a usare la nuova linea a condizioni light

next