L’idea di una “interferenza della mafia” nelle decisioni del ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, “non si può accettare, questa è un’offesa all’intero Paese che il ministro rappresenta”. Lo ha detto in Aula il capogruppo del M5s al Senato, Gianluca Perilli, durante la discussione della mozione di sfiducia nei confronti del Guardasigilli. “Mi fa piacere si parli della trattativa ma credo sia poco accorto. Il termine trattativa mi ricorda la trattativa Stato-mafia che è avvenuta durante i governi di Lega e Forza Italia“, ha rimarcato il Perilli. Per poi rivolgersi alla Lega: “Ha il coraggio di parlare? Desse spiegazioni sui 49 milioni di euro, che i cittadini vogliono sapere. Desse spiegazioni sull’emendamento Arata”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bonafede, ministro Boccia dopo il voto: “Giornata stonata rispetto a condizioni del Paese. Rimpasto? Brutta parola, lo escludo”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Catalfo al question time annuncia: “Responsabilità datori lavoro? Allo studio norma per superare dubbi”

next