Una deroga temporanea al decreto Dignità per evitare che chi ha un contratto a termine venga lasciato a casa durante l’emergenza Covid. E’ una delle misure per il lavoro previste dal decreto Rilancio varato mercoledì dal consiglio dei ministri, accanto al rinnovo degli ammortizzatori sociali e alla proroga del divieto di licenziamenti individuali per giustificato motivo oggettivo e collettivi. Fino al 30 agosto, le aziende potranno rinnovare o prorogare i contratti a tempo determinato senza indicare la causale.

Si introduce così una deroga all’articolo 19 e 21 del Jobs Act, che a valle delle modifiche introdotte con il decreto Dignità nell’estate 2018, dispone che i contratti a termine possano durare non oltre 24 mesi e che l’eventuale rinnovo dopo i primi 12 mesi richieda l’indicazione di una causale. Senza la quale il rapporto di lavoro si trasforma automaticamente in un’assunzione a tempo indeterminato.

La norma si riferisce ai contratti “in essere”, per cui nella forma attuale sembra non applicarsi a quelli già scaduti o che saranno stipulati dopo l’entrata in vigore del decreto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, a Milano la protesta degli ambulanti sotto la Regione: “Vergogna, lo Stato ci ha abbandonato”

next
Articolo Successivo

Dl Rilancio, io credo alle lacrime della ministra Bellanova. Ora sui braccianti non si torni indietro

next