Una deroga temporanea al decreto Dignità per evitare che chi ha un contratto a termine venga lasciato a casa durante l’emergenza Covid. E’ una delle misure per il lavoro previste dal decreto Rilancio varato mercoledì dal consiglio dei ministri, accanto al rinnovo degli ammortizzatori sociali e alla proroga del divieto di licenziamenti individuali per giustificato motivo oggettivo e collettivi. Fino al 30 agosto, le aziende potranno rinnovare o prorogare i contratti a tempo determinato senza indicare la causale.

Si introduce così una deroga all’articolo 19 e 21 del Jobs Act, che a valle delle modifiche introdotte con il decreto Dignità nell’estate 2018, dispone che i contratti a termine possano durare non oltre 24 mesi e che l’eventuale rinnovo dopo i primi 12 mesi richieda l’indicazione di una causale. Senza la quale il rapporto di lavoro si trasforma automaticamente in un’assunzione a tempo indeterminato.

La norma si riferisce ai contratti “in essere”, per cui nella forma attuale sembra non applicarsi a quelli già scaduti o che saranno stipulati dopo l’entrata in vigore del decreto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, a Milano la protesta degli ambulanti sotto la Regione: “Vergogna, lo Stato ci ha abbandonato”

next
Articolo Successivo

Dl Rilancio, io credo alle lacrime della ministra Bellanova. Ora sui braccianti non si torni indietro

next