Dolore, rabbia, paura. Ma anche la speranza e la voglia di combattere e di cambiare. I sentimenti e le storie delle persone che stanno lottando per contenere la pandemia sono al centro di “Red Zones”, una docu-serie in quattro puntate realizzata da Luca Vullo e coprodotta da Ondemotive Productions Ltd & Videoplugger Ltd, in onda da domenica 3 maggio alle 21 su Sky TG24. La serie racconta le “zone rosse” d’Europa, attraverso gli occhi di persone comuni che narrano come le loro vite siano state travolte dalla pandemia e dal lockdown. L’Italia è il primo Paese raccontato dalla docu-serie, che si sposta poi nel resto del continente, con storie che si ripetono e allo stesso tempo cambiano, di Stato in Stato. Sono storie di sanitari, sindaci, farmacisti, mamme, bambini, disabili, insegnanti, sacerdoti, militari, artisti e contagiati, che stanno sostenendo la propria battaglia contro il coronavirus, uniti dalla consapevolezza che nessuno si sarebbe mai aspettato di dover vivere un momento così drastico e difficile.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Summertime, la serie Netflix spinge sul romanticismo stucchevole di Moccia: otto sceneggiatori per una storia senz’anima

next
Articolo Successivo

Live non è la D’Urso, Nina Moric: “Elena Morali mi ha detto di essere ricattata con video porno da Luigi Mario Favoloso”

next