Dolore, rabbia, paura. Ma anche la speranza e la voglia di combattere e di cambiare. I sentimenti e le storie delle persone che stanno lottando per contenere la pandemia sono al centro di “Red Zones”, una docu-serie in quattro puntate realizzata da Luca Vullo e coprodotta da Ondemotive Productions Ltd & Videoplugger Ltd, in onda da domenica 3 maggio alle 21 su Sky TG24. La serie racconta le “zone rosse” d’Europa, attraverso gli occhi di persone comuni che narrano come le loro vite siano state travolte dalla pandemia e dal lockdown. L’Italia è il primo Paese raccontato dalla docu-serie, che si sposta poi nel resto del continente, con storie che si ripetono e allo stesso tempo cambiano, di Stato in Stato. Sono storie di sanitari, sindaci, farmacisti, mamme, bambini, disabili, insegnanti, sacerdoti, militari, artisti e contagiati, che stanno sostenendo la propria battaglia contro il coronavirus, uniti dalla consapevolezza che nessuno si sarebbe mai aspettato di dover vivere un momento così drastico e difficile.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Summertime, la serie Netflix spinge sul romanticismo stucchevole di Moccia: otto sceneggiatori per una storia senz’anima

next
Articolo Successivo

Live non è la D’Urso, Nina Moric: “Elena Morali mi ha detto di essere ricattata con video porno da Luigi Mario Favoloso”

next