Dopo aver denunciato Luigi Mario Favoloso per stalking e maltrattamenti (accuse riguardo alle quali ora indaga la Procura di Milano), Nina Moric è tornata a parlare dell’ex fidanzato nel salotto di Live non è la D’Urso, rilanciando con nuove insinuazioni. “Partiamo dal presupposto che lui mi accusa di aver parlato per 4 ore con Elena Morali (oggi fidanzata con Favoloso, ndr) – ha detto la modella croata nel corso dell’ultima puntata dello show di Barbara D’Urso -. È stata lei a parlare con me. Ha parlato male di Luigi al telefono, è stato tutto registrato e depositato in Procura. La Morali si è messa a piangere perché aveva paura, era disperata”, ha raccontato ripetendo più volte che ” è tutto registrato”.

Poi l’accusa: “La Morali mi ha detto di essere ricattata con video porno da Luigi Mario Favoloso”. L’ex modella ha detto infatti che Elena Morali si sarebbe confidata con lei durante una lunga chiacchierata al telefono, rivelandole di essere ricattata. Un’accusa pesante e tutta da verificare. Ma Nina Moric ha poi fatto mandare in onda anche la registrazione di sua una telefonata con Favoloso, testimonianza che sarebbe stata depositata anche in Procura. Nella telefonata si sente Favoloso chiedere di incontrarla e lei replicare spaventata di temere che lui possa farle del male.

Non spetta però ad un programma televisivo verificare e ricostruire quanto realmente accaduto tra Nina Moric e Favoloso ma piuttosto ai magistrati con le loro indagini, per decidere se dare il via ad un eventuale processo ai danni di quest’ultimo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, su Skytg24 la docu-serie che racconta chi lotta contro la pandemia: “Nel reparto Covid anche la morte è diversa”

next
Articolo Successivo

La legge è uguale per tutti, preti e comunità Lgbt: ipotizzare altro è ignoranza o malafede

next