Come è gestita nelle vostre città l’emergenza Coronavirus? Come si comportano le autorità e i cittadini? E nelle vostre vite, c’è qualche aspetto positivo o inatteso nell’isolamento forzato? Abbiamo chiesto ai nostri Sostenitori di raccontarcelo, inviando testimonianze, osservazioni e spunti per la redazione al Blog Sostenitore. Mai come stavolta il contributo della nostra comunità è fondamentale: con il Paese in zona rossa, ogni segnalazione è importante. Abbiamo bisogno di voi. Sosteneteci: se non siete ancora iscritti, ecco come potete farlo.

di Andrea Taffi

La fase 2 è iniziata. Riparte l’industria, la grande produzione e, dal 4 maggio, avremo un piccolo allentamento delle restrizioni alla nostra libertà di movimento. L’ultimo Dpcm crea, però, più scontenti che contenti.

Tra i primi c’è sicuramente la Cei, che grida alla violazione della libertà di culto, perché il governo continua a vietare la celebrazione delle funzioni religiose. Ma sono i commercianti a lanciare il grido più forte, un grido che non è di semplice disappunto o delusione, no, è un grido di vera e propria disperazione, perché in ballo c’è la loro stessa sopravvivenza. Gli studi ci dicono che molte, moltissime attività commerciali non ripartiranno più, chiuse, chiuse per sempre.

Certo, il premier Conte si è affrettato a dire che nessun imprenditore sarà lasciato solo, che gli aiuti economici ci saranno e saranno per tutti. E tuttavia le banche, gli unici istituti in questo momento in grado di erogare denaro liquido, si mettono di traverso, nel senso che, dovendo prestare soldi che sanno benissimo non saranno recuperabili dal debitore, valutano con estrema attenzione e cautela l’erogazione dei prestiti, dimostrando, con ciò, di non fidarsi troppo della garanzia statale.

L’Unione Europea elargirà grandi quantità di denaro agli Stati membri, ma, a parte il fatto che sono ancora al suo esame le modalità di erogazione (prestito o fondo perduto), questi soldi saranno disponibili in tempi non veloci e comunque sempre troppo lunghi per chi quei soldi li aspetta.

In tutte queste settimane di chiusura, una cosa l’ho imparata: gli italiani sono un popolo solidale, solidale con chi soffre, con chi ha lavorato per salvare la vita a chi si è ammalato. Ma ho imparato anche che gli italiani hanno fatto tanta solidarietà, togliendosi i soldi dai conti correnti per darli alla protezione civile. E allora mi chiedo: potrebbero essere gli italiani altrettanto generosi con tutti quei concittadini le cui attività economiche, ancora ferme, rischiano davvero – strette tra esigenza di tutela della salute pubblica e burocrazia nazionale ed europea – di essere costretti a dire basta, a chiudere senza più riaprire? Io credo di sì.

Sì, perché un bar, un negozio, un barbiere, un centro estetico, un ristorante, sono parte della nostra vita, e sarebbe bello che tutti noi, dopo, li ritrovassimo, lì dov’erano prima del coronavirus. E come si può concretizzare tutto questo? Beh, lo si può fare attraverso uno strumento che tutti conoscono col nome di patrimoniale, un nome che fa paura, che molti identificano semplicemente come l’asta della bandiera di una sinistra che più sinistra non si può. Io, in questo momento, preferirei non chiamarla patrimoniale, ma solidarietà, una solidarietà non a fondo perduto, ma incidente sull’interesse di tutti noi.

Perché noi potremmo anche non andare più a prendere il caffè al “nostro” bar sotto casa o comprare i vestiti in quel negozio, piccolo ma che ha merce di qualità e al quale siamo affezionati, ma (io credo) non sarebbe più la stessa cosa, perché la normalità è ritorno a qualcosa che c’era prima. E se questo significa incidere sul nostro conto corrente, credo che sia un sacrificio importante, ma fattibile; non meno importante e fattibile di quelli che abbiamo fatto fin qui.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.
Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, l’Istat: “Meno di 400mila nascite nel 2021 se raddoppia tasso di disoccupazione: un anticipo di 11 anni sulle previsioni”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, nella fase due serve un passo in più: alla solidarietà sostituiamo la collettività

next