Boris Johnson torna a Downing Street dopo il ricovero e la lunga convalescenza per il Covid-19. “Il Regno Unito inizia a invertire la tendenza“, ha detto nel suo primo discorso alla nazione dopo la guarigione, in una conferenza stampa a distanza. Ma nonostante i “progressi” il Regno Unito è al punto di “massimo rischio”, perciò il premier non intende anticipare l’allentamento delle misure di distanziamento sociale: “So che è difficile – ha spiegato – voglio far muovere l’economia il più velocemente possibile ma mi rifiuto di buttare via il sacrificio del popolo britannico e rischiare un secondo picco”. Una seconda ondata, aggiunge, sarebbe “un disastro economico“.

Ieri notte il premier è tornato al numero 10 di Downing Street dopo aver passato la convalescenza nella residenza di Chequers, fuori Londra.”È vero che questa è la più grande sfida singola che questo paese ha dovuto affrontare dopo la guerra”, ha detto. Il coronavirus “è un aggressore inatteso e invisibile nel suo assalto fisico, come posso dirvi per esperienza personale“. Johnson stesso, infatti, positivo a fine marzo ed era stato ricoverato in terapia intensiva per tre giorni, prima di essere trasferito in un reparto di degenza, da dove è stato dimesso solo il giorno di Pasqua. Poi la lunga convalescenza fino alla fine di aprile, durante la quale erano proseguiti i suoi contatti telefonici con la Regina e le videoconferenze con il governo. Boris si dice ottimista, seppur con cautela: il Regno Unito ha “iniziato a metterlo al tappeto” grazie al rispetto del lockdown, che continuerà.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, comitato scientifico contro il Governo francese su riaperture: “Prendiamo atto, ma contrari. Garantire le protezioni”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, 3 milioni di contagi nel mondo. Uk, vittime al minimo da un mese. Usa, oltre 55mila vittime: “Come la guerra in Vietnam”. Russia supera i contagi della Cina

next