Il coronavirus “è un aggressore inatteso e invisibile nel suo assalto fisico, come posso dirvi per esperienza personale”. Lo ha detto Boris Johnson nel suo primo discorso alla nazione da Downing St. dopo la guarigione, assicurando che il Regno Unito ha “iniziato a metterlo al tappeto” grazie al rispetto del lockdown, ma che serve prudenza, dicendo di capire il peso “delle misure di distanziamento sociale”, non senza avvertire però che occorre evitare un secondo picco che sarebbe pure “un disastro economico“.

Pur riconoscendo quanto “duro e stressante sia stato l’aver rinunciato, anche temporaneamente, alle nostre antiche e basilari libertà”, ha però ammonito che un rilassamento prematuro delle restrizioni potrebbe causare “un secondo picco, disastroso” sul piano sia umano sia “economico”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, 3 milioni di contagi nel mondo. Uk, vittime al minimo da un mese. Usa, oltre 55mila vittime: “Come la guerra in Vietnam”. Russia supera i contagi della Cina

next
Articolo Successivo

Coronavirus, lo smartworking diventi “diritto dei lavoratori”: la proposta del ministro del lavoro tedesco

next