A Nuova Delhi, in India, tra le città più inquinate al mondo, il cielo è azzurro e l’aria è pulita. Sono le conseguenze del lockdown deciso a causa dell’emergenza coronavirus. Il panorama è decisamente differente rispetto a quello di novembre dell’anno scorso, tra i periodi peggiori per la qualità dell’aria, quando la capitale indiana appariva avvolta in una fitta nube di smog.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, in Svezia tutto aperto: più di duemila morti. Merkel agli Stati tedeschi: “Troppa fretta per la Fase 2”. Oms: “In Europa la metà delle vittime è nelle case di riposo”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, l’orchestra di Doha suona prima dell’inizio Ramadan: l’ultimo concerto è dai balconi

next