“Non esistono più orari, lavoro 14 o 16 ore al giorno – così Paolo Barletta, coordinatore reparto emergenze della Croce Rossa di Torino – L’attività ha avuto un incremento sia nei tempi sia nei servizi”. Oltre all’attività ordinaria, infatti, i comitati di Croce Rossa di tutta Italia hanno dovuto affiancare un’attività specifica dedicata proprio al Coronavirus: “Un’ambulanza che torna da un servizio Covid bisogna immaginare che sia un mezzo infetto – spiega Barletta – va sanificata da operatori militari specificamente addestrati, per non esporre il personale civile a rischi”. “Una delle situazioni più critiche? – conclude – Alcuni giorni fa quando abbiamo avuto percezione di aver effettuato un trasporto di un paziente positivo solo al termine del percorso. Il triage effettuato dai soccorritori aveva dato esito negativo”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, l’associazione delle famiglie disabili intellettivi: “Focolai nelle residenze: 5 morti e 52 contagiati tra gli operatori”

next