“Ogni governo deve valutare la propria situazione”, ha detto Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore dell’Oms, “tutelando al contempo tutti i cittadini, soprattutto i più vulnerabili”. Chi sta valutando la possibilità di togliere le restrizioni dovrà valutare sei criteri fondamentali: per prima cosa la trasmissione deve essere sotto controllo. Le capacità del sistema sanitario devono essere in grado di rilevare, testare, isolare e trattare ogni caso di nuovo coronavirus e rintracciare ogni contatto. I rischi di epidemia, inoltre, devono essere sono ridotti al minimo in contesti come strutture sanitarie e case di cura. Devono essere adottate misure preventive nei luoghi di lavoro, nelle scuole e in altri luoghi dove le persone devono recarsi. Infine, è necessario che i rischi di importazione siano gestibili e che le comunità siano consapevoli, impegnate e pronte ad adeguarsi alle “nuove norme”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sono le Venti (Nove), in Lombardia mancano le cure domiciliari. I sindaci: “Abbandonati a noi stessi”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, agli incaricati della fase 2 dico: partite dai pendolari. Come garantire un servizio pubblico ‘contingentato’?

next