Sulla fase 2 “le politiche che verranno scelte dal decisore dovranno forse avere più un carattere di ordine nazionale piuttosto che regionale, semmai” tenendo conto “dei profili di rischio dei lavoratori”. Lo ha ricordato il presidente del Consiglio superiore di sanità (Css), Franco Locatelli, in conferenza stampa alla Protezione civile sull’emergenza Covid-19. Locatelli ha ricordato che alcuni profili di lavoratori sono più esposti di altri, ad esempio “i parrucchieri” sono più a rischio ad esempio “rispetto a chi si occupa della cura dei boschi”

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Locatelli: “10 morti in regioni del Centro-Sud e in provincia di Bolzano. Dimostrazione che misure sono efficienti”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, la denuncia del sindacalista: “Mascherine della Regione Lombardia come pannolini, si sfilano dal viso. Sono inutili”

next