Gabriele Defilippi è uscito dal carcere di Torino dopo essere risultato positivo al coronavirus. Il giovane era stato condannato in via definitiva a 30 anni per l’omicidio di Gloria Rosboch, l’insegnante di Castellamonte scomparsa da casa il 13 gennaio 2016 e ritrovata senza vita circa un mese dopo nei boschi del Canavese. Anche se asintomatico, Defilippi si trova ora in detenzione domiciliare in un appartamento del capoluogo piemontese messo a disposizione dalla madre del giovane.

Come altri detenuti nelle sue condizioni, è stato autorizzato a uscire dal carcere con un provvedimento emesso dal magistrato di sorveglianza. Nei prossimi giorni sarà il tribunale a fornire i termini della detenzione ma, con ogni probabilità, trascorrerà il periodo di quarantena, fino a che i tamponi non daranno per due volte esito negativo, fuori dall’istituto penitenziario.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Decaro al cittadino che viola le regole: “Non puoi andare a pranzo da tua figlia, devi stare a casa. Ora paga la multa”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, in Sicilia il caso dei 700 dipendenti Ipab: senza stipendio da mesi ma niente ammortizzatori sociali (o altri aiuti)

next