Assumete il Plaquenil! No, non assumete il Plaquenil! Le delicatissime informazioni riguardanti i farmaci da prendere per combattere il Coronavirus passano direttamente dai talk d’intrattenimento televisivo. L’ultimo suggerimento urlato ai quattro venti è quello di Alessandro Meluzzi. Il noto psichiatra e criminologo, ospite fisso a Quarto Grado su Rete4, durante la puntata di Stasera Italia ha lanciato il suo anatema verso il governo e l’Aifa, sottolineando il mancato utilizzo dell’idrossiclorochina per curare il Coronavirus. “Ricordatevi che c’è un farmaco, che costa sei euro a scatola, che è un salvavita formidabile – ha spiegato in diretta Meluzzi – E questo è ormai accreditato, questo l’ho saputo dagli amici russi di criminologia due mesi fa, i francesi lo stanno utilizzando. Qui lo si utilizza poco, inseguendo altre vie, perché costa troppo poco. Perché è un farmaco fuori mercato. Ed è l’idrossiclorochina, lo sapete tutti. È un farmaco comprovatamente efficace che costa niente. Questa sarà una delle poche ragioni per cui non sarà propagandato. Ma io mi assumo la responsabilità di dirlo a 60 milioni di persone”.

La conduttrice del programma, Barbara Palombelli, ha ulteriormente ricordato che quelle che si sono ascoltate erano “le parole di un medico”. L’idrossiclorochina è nota con il suo nome commerciale: Plaquenil. Ed è stato spiegato da diversi medici, tra cui Roberto Burioni, che è un farmaco antimalarico utilizzato da oltre 50 anni e testato nel 2005 testato anche contro la Sars. Burioni ha però puntualizzato di “non assumere Plaquenil senza prescrizione”. “Come ho detto chiaramente, i dati di laboratorio sull’efficacia del Plaquenil sono un punto di partenza e non un punto di arrivo. In mancanza di studi clinici è sbagliato assumere questo farmaco, anche perché poi non è disponibile per chi ne ha davvero bisogno”, ha ricordato su twitter il virologo milanese che nei giorni scorsi aveva illustrato i risultati ottenuti dai test di laboratorio al San Raffaele di Milano proprio su questo antimalarico. Certo è che, come scrive Il Messaggero la “sensazione è che i buoi siano usciti dal recinto ormai da un pezzo”. Tanto che il Plaquenil usato abitualmente per curare l’artrite reumatoide è diventato introvabile. Secondo Il Messaggero Federfarma ha confermato che da quindici giorni si devono fare richieste di ordine “urgenti”.

Sanofi, l’azienda farmaceutica che lo produce, dal canto suo risponde a tutti i farmacisti che il Plaquenil è disponibile ma che avrà tempi di consegna non inferiori alle 48/72 ore. Ricordiamo però che questo farmaco viene venduto solo su prescrizione medica e nel caso delle sperimentazioni ospedaliere in atto viene venduto attraverso canali diretti con le strutture sanitarie nazionali. Il consiglio, quindi, è quello di non avventarsi a chiedere questo farmaco autonomamente, lasciando a mani vuote tutte quelle persone che lo utilizzano per curare la loro artrite e che ora faticano a trovarlo.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, via libera all’uso dei droni per controllare gli spostamenti sui territori comunali

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Zaia legge la poesia “di uno storico greco del 233 avanti Cristo”: “Un male è nell’aria”. Ma è un falso

next