Con una nota ufficiale diretta ai ministeri dell’Interno, delle Infrastrutture e dei Trasporti e della Giustizia, allo Stato Maggiore dell’Aeronautica, all’ENAV (Ente Nazionale per l’Assistenza al Volo), all’Associazione nazionale dei comuni italiani e a tutti i Comandi delle Polizie Locali, l’ENAC (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile) ha comunicato il suo via libera alla possibilità di impiegare i droni per sorvegliare i territori comunali e monitorare eventuali spostamenti da parte dei cittadini.

“Nell’ottica di garantire il contenimento dell’emergenza epidemiologica Coronavirus, al fine di consentire le operazioni di monitoraggio degli spostamenti dei cittadini sul territorio comunale, prevista dai D.P.C.M. 8 e 9 marzo 2020, si rende necessario procedere a derogare ad alcune previsioni delle disposizioni del Regolamento ENAC ‘Mezzi Aerei a Pilotaggio Remoto’ Edizione 3 del 11 novembre 2019”, si legge nel documento.

Continuando a leggere il documento si apprende che le operazioni potranno essere condotte dalle Polizie locali utilizzando droni con un peso inferiore ai 25 chili, “in deroga ai requisiti di registrazione e di identificazione di cui all’art. 8 del citato Regolamento”. I mezzi però dovranno essere pilotati esclusivamente mantenendo il contatto visivo col velivolo, senza necessità di “rilascio di autorizzazione da parte di questo Ente” e di “rispondenza delle operazioni agli scenari standard pubblicati”.

Inoltre le varie deroghe prevedono anche la possibilità, sempre per le Polizie locali, di utilizzare i droni anche “nelle aree prospicienti di tutti gli aeroporti civili di cui al paragrafo 7 della Circolare ENAC ATM 09 e identificate come ‘aree rosse’, ad una quota massima di 15 metri”, a patto ovviamente che essi siano impiegati nell’ambito delle condizioni emergenziali dovute all’epidemia COVID-19 e di “fornire preventivamente comunicazione alla TWR (Torre di Controllo N.d.R) dell’aeroporto limitrofo all’area d’interesse al fine di comunicare la presenza del drone e di coordinare le rispettive attività”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Kate e William: “Mamme, vi pensiamo in questi tempi difficili”. E pubblicano una (bellissima) foto di Diana

next
Articolo Successivo

Gianni Morandi e la foto con la mascherina. I follower lo rimproverano: “Non va bene. Stai in casa”, “E’ egoista”

next