Il governatore leghista del Veneto Luca Zaia, potrà dire che è rimasto vittima di un Pesce d’Aprile anticipato di un giorno, eppure il 31 marzo, nel corso della conferenza stampa nella sede della Protezione Civile di Mestre, ha estratto una citazione poetica che sembrava calzare a pennello con quello che sta succedendo in Italia e nel mondo. “Mi hanno inviato questa poesia, è bellissima, l’ha scritta uno storico greco, Eracleonte da Gela nel 233 avanti Cristo” ha detto ai giornalisti. Poi, con fare ispirato, ha letto i versi che, se avesse prestato attenzione a certi passaggi, sono fin troppo calzanti con la quotidianità che stiamo vivendo. ”È iniziata l’aria tiepida e dovremo restare nelle case, non usciremo, non festeggeremo, bensì mangeremo e dormiremo e berremo il dolce vino perché dobbiamo combattere”. Poi il primo riferimento sospetto: “Queste genti ci hanno donato un male nell’aria che respiriamo se siamo loro vicini, il male ci tocca e resta con noi e da noi passa ai nostri parenti”. Perfetto per tirare in ballo i cinesi. Segue la ricetta e l’invito: “Siamo forti, aspettiamo che questo male muoia, restiamo nelle case e tutti insieme vinciamo. Il tempo trascorrerà e sarà il nostro alleato, il tempo ci aiuterà a guardare senza velocità il quotidiano trascorrere del giorno”.

Il governatore, prima di dire ai giornalisti che avrebbe dato loro una copia della poesia, ha commentato: “Questo è esattamente quello che dobbiamo fare noi”. Sarà anche così, ma la poesia non è vera. L’ha svelato il sito Bufale.net (“Anche Zaia casca nella bufala”) che ha trovato rarissime tracce storiche di un vescovo cristiano eretico, ma vissuto un secolo dopo Cristo, ovvero tre secoli dopo i 233 a.C. Quindi è un falso, costruito con l’astuzia di attribuire frasi a un personaggio su cui le verifiche sono pressoché impossibili.

La poesiola era perfetta perché Zaia trovasse le conferme dei suoi ammonimenti quotidiani. E si fidava della fonte. “Il Gazzettino” ha svelato chi ha messo quel foglio nella mani del presidente del Veneto. Si tratta di Giampiero Beltotto, giornalista, ex direttore della sede Rai di Venezia, ex portavoce di Zaia in Regione, poi addetto stampa della Banca Popolare di Vicenza subito dopo lo scoppio dello scandalo. Da un anno e mezzo è presidente del Teatro Stabile del Veneto. Zaia si è fidato e Beltotto si è a sua volta fidato di qualcun altro. “La poesia l’ho data io a Zaia e ne sono orgoglioso. La fonte? Non conta”.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stasera Italia, Alessandro Meluzzi: “Il Plaquenil è un salvavita, l’ho saputo da amici criminologi russi”. Ma Roberto Burioni è stato chiaro: “In mancanza di studi clinici assumerlo è sbagliato”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Sting dedica una canzone all’Italia: “Mi manca il mio Paese preferito”

next