Non faccio passare più nessuno nel mio Comune“. “Schiererò il mio esercito per far rispettare la mia ordinanza”. “Stasera blocco il porto“. “Non mi faccio pisciare addosso da Roma”. Il sindaco di Messina, Cateno De Luca, si è presentato al porto insieme ai suoi assessori per protestare contro l’arrivo di navi e di cittadini diretti in Sicilia e per contestare le misure adottate dal Viminale (nei giorni scorsi aveva detto: “Vaffanculo Viminale”). Ciò che chiede De Luca è “un database per i pendolari dello Stretto”, in modo da tracciare gli spostamenti. Stamattina il primo cittadino messinese si è recato nuovamente al porto, poi ha preso un traghetto in direzione Villa San Giovanni, sulla sponda calabrese, per verificare “se è tutto in regola”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Borrelli: “Credibile che i malati siano dieci volte il dato ufficiale. Mascherine? Temo che dall’estero non ne arriveranno più”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, infermiera di Milano: “Abbiamo paura, sappiamo di giocare col fuoco. Parenti dei malati distanti? Cerchiamo di sostituirli noi”

next