C’è una Milano che non si ferma e che continua a lavorare anche oggi, dopo il nuovo decreto firmato dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, per fronteggiare l’emergenza coronavirus. “La nostra categoria non rientra tra quelle che devono restare a casa”, dice un autotrasportatore. “Se non arrivano precise indicazioni dall’alto noi continueremo a lavorare”, gli fa eco un operaio del settore edile. Inevitabile avere un po’ di timore in questo periodo: “Stiamo prendendo tutte le dovute precauzioni ma saremmo rimasti volentieri a casa“, “penso che il virus si sconfigge solo se tutti restiamo in casa, così come hanno fatto in Cina“, dicono.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Gabrielli ai poliziotti: “Fate i controlli con rigore ma anche con umanità. Più che colpire dobbiamo far comprendere”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, positivo un dipendente del quotidiano La Stampa: chiusa la sede a Torino

next