“In una scala da uno a dieci il livello di emergenza è dieci. Stiamo guardando al domani, alla settimana e ai mesi futuri”. Così Gabriele Tomasoni, primario della Prima Rianimazione degli Spedali Civili di Brescia. “In tanti anni di lavoro non ho mai visto niente di simile. I turni di lavoro sono massacranti, sai quanto entri ma non quando esci”, racconta un’infermiera. La situazione nel reparto è critica. Tanti i pazienti in terapia intensiva. Se i giovani in quattro giorni riescono a essere curati, per i più anziani si parla di due settimane di cure.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, il centro di Milano è vuoto: piazza Duomo e Galleria deserte di sera

next
Articolo Successivo

Coronavirus, l’appello di Capua ai patologi su La7: “Dateci risposta su vittime per capire se virus è patogeno primario o opportunista’”

next