Tutta Italia in quarantena. “Le nostre abitudine vanno cambiate ora, per il bene dei nostri cari, dei nostri genitori, dei nostri nonni. Lo dobbiamo fare subito perché tempo non ce n’è“, ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte annunciando la firma di un decreto che di fatto allarga la zona rossa a tutto il Paese: “Sto per firmare un provvedimento che possiamo sintetizzare con l’espressione ‘io resto a casa‘. Ci sarà l’Italia come zona protetta“, ha spiegato il premier, aggiungendo che “il futuro dell’Italia è nelle nostre mani, ognuno faccia la propria parte”. Gli spostamenti in tutta Italia saranno possibili solo per motivi di lavoro, necessità o salute. Viene disposto anche il “divieto degli assembramenti all’aperto e nei locali”. Il premier ha anche ufficializzato la proroga della chiusura delle scuole e delle università fino al 3 aprile e lo stop a tutto lo sport, Serie A compresa: “Non c’è ragione per cui proseguano le manifestazioni sportive”.

“Abbiamo adottato una nuova decisione come governo, siamo ben consapevoli di quanto sia difficile cambiare tutte le nostre abitudini. Capisco le famiglie, i giovani, ma tempo non ce n’è. C’è una crescita importante dei contagi e delle persone decedute”. Così Conte ha spiegato le ragioni del nuovo decreto che “andrà in Gazzetta Ufficiale stasera”: le norme “entrano in vigore domani mattina (martedì mattina, ndr)”. “Ho sentito il presidente delle regioni Bonaccini“, per confermare che anche le Regioni fossero d’accordo con le misure. “Chiaramente ho informato anche il Presidente della Repubblica dell’iniziativa”, ha aggiunto Conte, che ha specificato anche di aver informato le opposizioni sulle nuove misure.

Stop a spostamenti e assembramenti – Misure che estendono a tutta Italia i divieti già in vigore in Lombardia da domenica 8 marzo. Il premier Conte li ha riassunti in una frase ripetuta più volte: “Restate a casa”. Il divieto agli spostamenti vale per tutti coloro che non abbiano “comprovate esigenze lavorative”, necessità o motivi di salute. Il premier ha spiegato però che “non è all’ordine del giorno una limitazione dei trasporti pubblici, per garantire la continuità del sistema produttivo e consentire alle persone di andare a lavorare”. Rispetto al precedente decreto sulla Lombardia, viene introdotto invece uno divieto agli assembramenti all’aperto o nei locali, che dovranno tutti chiudere dalle 18 alle 6. “Comprendiamo il bisogno di socialità, abbiamo visto tutti le immagini della movida ma non ci possiamo più permettere questi episodi di socialità che sono anche di contagio“, ha spiegato Conte. “Sugli effetti con l’estero non cambia nulla: gli spostamenti dei cittadini italiani avverranno sempre alle stese condizioni ma controlleremo gli ingressi in Italia”, ha aggiunto il premier.

Proroga chiusura scuole e stop allo sport – “Siccome andiamo a estendere il regime di disciplina, portiamo la sospensione delle attività didattiche fino al 3 aprile su tutta la penisola, isole comprese. Per quanto riguarda il resto ci manteniamo flessibili, per ora ci manteniamo alla durata già convenuta“, ha spiegato ancora Conte. Significa che lo stop alle lezioni nelle scuole e nelle università, ad oggi in vigore fino al 15 marzo, viene prorogato di altre tre settimane. Contestualmente arriva anche lo stop dello sport, che riguarda soprattutto la Serie A: “Non c’è ragione per cui proseguano le manifestazioni e le gare, penso anche al campionato di calcio. I tifosi devono prenderne atto. Non consentiremo neppure che vengano utilizzate le palestre“, ha spiegato Conte. Il pallone non andrà avanti nemmeno a porte chiuse: resta un punto di domanda per quanto riguarda le competizioni europee.

Le prossime misure: dall’economia al supercommissario – Possibile inoltre uno scostamento ancora maggiore rispetto a quanto preventivato (da 2,2% a 2,5%) per il rapporto Deficit/Pil. Conte ha sottolineato che per il momento è un’ipotesi su cui il Governo sta ragionando. “Vista la gravità del momento, visto che stiamo introducendo misure non ordinarie domani avremo un confronto per discutere le misure economiche con le forze di opposizione. Abbiamo già avuto due incontri sulle misure sanitarie. Mi sono premurato di informarli prima della conferenza, stamattina ho sentito Salvini. È giusto che le opposizioni siano coinvolte, la responsabilità di governo è nostra ma siamo tutti sulla stessa barca”, ha aggiunto Conte in conferenza stampa. Un super commissario per il coronavirus? “Stiamo affrontando alcuni aspetti della macchina organizzativa che vogliamo potenziare. Siamo disponibili a qualsiasi strumento per raggiungere un obiettivo. Siamo disponibili a un intervento, voi lo chiamate super commissario”, ha risposto ancora ai giornalisti a Palazzo Chigi. “C’è l’aspetto dell’approvvigionamento dei macchinari per l’assistenza sanitaria, quello è un ruolo che potrebbe affiancare il commissario di protezione civile. Proporrò un rafforzamento per questo settore”, ha detto.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, la diretta – Salgono a più di 9mila i casi complessivi: 463 morti. Il premier Conte annuncia: “Divieti estesi in tutta Italia”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, aggiunto e pm sulla gru per trattare con i detenuti di San Vittore assiepati sul tetto

next