Se il presidente Usa Donald Trump continua a derubricare il coronavirus come una banale influenza, la Ivy League prende seri provvedimenti per proteggere studenti, personale docente e amministrativi. Harvard per esempio sta chiedendo agli studenti di non rientrare nel campus dopo la pausa primaverile delle lezioni e punta a completare una completa transizione a classi virtuali entro il 23 marzo, quando i corsi avrebbero dovuto riprendere. Lo stesso sta facendo Princeton.

Il Massachussets Institute of Technology dal canto suo sta spostando online 20 corsi e ha sospeso tutti quelli in presenza con più di 150 partecipanti. La Columbia university ha annunciato intanto la sospensione dei corsi per due giorni, 9 e 10 marzo, perché un dipendente è stato messo in quarantena. Nel frattempo l’ateneo si è preparato per passare all’insegnamento da remoto. Tutte le attività al di fuori dall’insegnamento, come la ricerca, continuano con le precauzioni legate all’emergenza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il coronavirus può cambiare scuola e società. Pensare a sopravvivere per poi ricominciare come nulla fosse è un atto egoistico

next
Articolo Successivo

Coronavirus, le lezioni si fanno online: da Classroom a WeSchool, ecco come si usano le piattaforme per la didattica a distanza

next