La censura sul coronavirus non si è palesata soltanto nel caso di Li Weinliang, l’oftalmologo di Wuhan morto contagiato a febbraio che già il 30 dicembre aveva lanciato l’allarme per l’epidemia. Il controllo per evitare che venissero diffuse notizie online sul virus era già cominciato a inizio 2020, molto prima che si avesse l’esatta percezione dell’epidemia. Nel mirino in particolare la app di messaggistica cinese WeChat e il sito di streaming YY, entrambi popolarissimi. A rilevarlo un rapporto del centro studi canadese Citizen Lab, secondo cui sin dalle prime notizie sul Sars-CoV-2 sono state bloccate le ricerche con parole chiave legate al virus.

WeChat, si legge nello studio, ha censurato 132 combinazioni di parole chiave nelle ricerche tra l’1 e il 31 gennaio, a cui se ne sono aggiunte altre 384 nei primi quindici giorni di febbraio. Ad essere bloccate erano ricerche con combinazioni come ‘epidemia+autorità locali+governo centrale’, o ‘Wuhan+virus+trasmissione interumana’, oltre a molti riferimenti proprio a Li Wenliang. Per quanto riguarda YY, lo studio ha trovato 45 parole chiave nella ‘black list’aggiunte il 31 dicembre, il giorno in cui le autorità cinesi hanno segnalato i primi casi all’Oms, tra cui ‘polmonite sconosciuta di Wuhan’ e ‘focolaio di Sars a Wuhan’.

“La censura in Cina funziona con un sistema di ‘autodisciplina’, in cui le piattaforme sono ritenute responsabili dei contenuti – spiegano gli autori -. Il fenomeno è particolarmente dannoso perchè WeChat ha un ruolo centrale nella vita di molte persone in Cina, essendo l’equivalente di WhatsApp, Facebook, Apple Pay e altre applicazione riunite in una”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, in Francia boom di casi nell’Alto-Reno: chiuse 100 scuole. Positivo anche un deputato. Si teme contagio dopo raduno evangelico

next