Si chiamava Peng Yinhua, aveva 29 anni e lavorava “in prima linea” per contenere l’epidemia di coronavirus. Ma è stato contagiato ed è morto nel reparto di terapia intensiva del First People’s Hospital di Wuhan. I media statali avevano reso noto che il medico aveva ritardato il matrimonio per continuare a lavorare. Era stato ricoverato il 25 gennaio, ma dopo alcuni giorni era peggiorato. È deceduto ieri sera. Il 6 febbraio è morto Li Weinliang, l’oftalmologo 34enne che tra i primi denunciò l’epidemia. Era stato censurato dalla polizia, che lo aveva invitato a non proseguire in quelle che gli agenti avevano definito “attività illegali”. Per lui lo Stato cinese ha previsto un risarcimento di 114mila dollari. Le proteste sui social relative alla sua morte sono state cancellate. Migliaia di medici sono stati contagiati finora, almeno altri sei sono morti.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Nord Irlanda, bomba contro la casa del fratello della vittima del delitto più “eccellente” dei Troubles. “Non è esplosa, restiamo nel mirino”

next