Dall’eliminazione delle multe alle Ong alle modifiche degli accordi con la Libia. È parte di quanto chiedono i gruppi di Italia viva, Partito democratico e Liberi e Uguali, dopo il vertice di maggioranza sui decreti Sicurezza voluti dall’ex ministro dell’Interno, Matteo Salvini. “Abbiamo avviato un confronto per modificare radicalmente le parti che riguardano l’immigrazione”, ha dichiarato Gennaro Migliore, di Iv. Per Matteo Mauri, viceministro dell’Interno (Pd), è importante “intervenire sul tema dell’integrazione perché i decreti Salvini hanno aumentato gli irregolari. I decreti verranno modificati, si interverrà da un lato sulla sicurezza, dall’altro lato sull’immigrazione con l’obiettivo di offrire agli italiani una politica sull’immigrazione più efficiente”. “Per noi va rapidamente cancellata ogni sanzione alle Ong” – ha affermato Nicola Fratoianni di LeU – abbiamo messo sul tavolo anche il tema dei memorandum sulla Libia”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Matteo Renzi, quanto vale il senatore di Italia viva? Per una conferenza fino a 40mila euro: Sono le Venti (Nove) gli fa i conti in tasca

next
Articolo Successivo

Milleproroghe, il governo pone fiducia alla Camera. In coda rispunta il lodo Annibali: odg Fi-renziani per lo stop alla riforma Bonafede

next