Alleanza col Pd sì, alleanza col Pd no. È questo il nodo da sciogliere all’interno del Movimento 5 Stelle ligure in vista delle Regionali di primavera. Da una parte gli ‘ortodossi’, che preferiscono andare al voto da soli, dall’altra chi invece spera in un’alleanza con i Dem nel tentativo di contrastare il centrodestra. A risolvere la diatriba potrebbe essere il voto sulla piattaforma Rousseau, invocato da chi spera nell’alleanza perché convinto che questo sia il sentimento degli iscritti liguri. Ma, fino a ora, il capo politico Vito Crimi lo ha escluso.

Il tema è stato oggetto di discussione di una lunghissima assemblea dei portavoce regionali. La decisione sulla Liguria ha una duplice importanza: il sì al Pd renderebbe consequenziale la candidatura di Ferruccio Sansa e, allo stesso tempo, potrebbe trascinare anche la Campania sulla stessa linea. Una linea che, all’interno del Movimento, vede tuttavia ancora un nocciolo duro contrario, quasi interamente identificabile con l’ala che fa capo a Luigi di Maio, a livello nazionale, e ad Alice Salvatore in Liguria, candidata votata sulla piattaforma e da anni la referente dei vertici nazionali nella regione. È sbagliato far passare come maggioritaria l’idea di essere favorevoli all’alleanza con il centrosinistra, ha dichiarato Salvatore all’assemblea: con il Pd ci sono divergenze.

Ma tra i liguri sembra prevalere un’altra opinione, più vicina a quella del deputato Sergio Battelli: “Io credo che dobbiamo tornare a vincere. Al punto in cui siamo, partecipare non basta più”, ha dichiarato. A pensarla come lui è la grandissima parte del gruppo parlamentare (da Mattia Crucioli a Matteo Mantero, fino a Marco Rizzone) e il gruppo M5s al Comune di Genova. Il facilitatore regionale, Marco Mesmaker, nelle prossime ore porterà a Crimi il parere dell’assemblea. Poi sarà lui, insieme ai vertici, a decidere se far votare gli iscritti liguri su Rousseau.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sardine in piazza, Donnoli: “DI Maio si occupi di Zaki, non di sciocchezze. Mentre lui si fa i selfie, Patrick è in mano a torturatori”

next
Articolo Successivo

Prescrizione, nomine, Agenda 2023: una settimana di test (e di rischi) per la tenuta del governo tra vertici e voti in Aula

next