Le brutte intenzioni la maleducazione, la tua brutta figura di ieri sera…ringrazia il cielo che sei su questo palco, rispetta chi ti ci ha portato dentro“. Il web scatena la sua ironia sulle parole di Morgan, e il suo testo sanremese ‘modificato’ sul palco dell’Ariston diventa in pochi giorni un fenomeno virale. Migliaia di meme, foto e video che riprendono le parole che il cantante ha cambiato a sorpresa nella penultima serata del festival di Sanremo trasformando il testo di ‘Sincero’, il brano con cui era in gara insieme a Bugo (causando la squalifica di entrambi), in un tormentone.

Tanto che a cimentarsi nella parodia della coppia si sono messi anche Tommaso Paradiso e Calcutta: nel video, pubblicato su Instagram, si vedono i due cantautori cantare il testo modificato da Morgan, con tanto di apparizione finale della compagna di Tommaso, Carolina Sansoni, nel ruolo di Amadeus.

Le parole di Morgan ormai risuonano come un mantra ovunque: ed ecco spuntare un finto fogliettino dei Baci Perugina che, in prossimità di San Valentino, offre una dedica all’amato: “La tua brutta figura di ieri sera, la tua ingratitudine, la tua arroganza”. Eccole comparire anche sulla confezione di una nota marca di biscotti, che non si chiamano più ‘Macine‘ ma ‘Maleducazione‘, o nel celebre video del film ‘Reality‘, in cui lui mette le cuffie ad una giovanissima Sophie Marceau ma invece della romantica canzone d’amore si sente Morgan che canta: “Fai ciò che vuoi mettendo i piedi in testa, sai solo coltivare invidia”. C’è poi la stoccata reale, con una foto in cui la regina Elisabetta si rivolge gelida a Meghan Markle nel giorno del suo matrimonio, con “ringrazia il cielo che sei su questo palco, rispetta chi ti ci ha portato dentro“. Insomma, l’ironia continua a correre sul web a dimostrazione che alla fine, forse, Morgan ha fatto centro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Storie Italiane, Paolo Palumbo: “Non ho rimpianti, la mia vita è solo all’inizio. Voglio dare speranza a chi non ne ha”

next
Articolo Successivo

Lo scontrino di un ristorante diventa virale: sul conto appare la voce “domanda stupida” al costo di 38 centesimi

next