A un anno e mezzo dalla strage del ponte Morandi, i parenti delle 43 vittime si sono dati appuntamento di fronte alla sede del 1° Tronco di Autostrade a pochi metri dal casello di Genova Ovest. Un volantinaggio per chiedere giustizia per i loro cari ma anche la forte richiesta di garanzie sul fronte della sicurezza, così i familiari hanno atteso le 11.36, ora in cui hanno alzato al cielo 43 rose bianche fermando per qualche minuto il traffico di ingresso dell’autostrada, tra applausi e clacson suonati per solidarietà da chi ha atteso in coda che il piccolo corteo si muovesse verso la sede locale di Aspi. Grazie alla disponibilità dei dipendenti che hanno aperto i cancelli, la marcia del comitato dei parenti delle vittime non si è fermata davanti alla sede ma è proseguita fino al cortile interno dove sono state piantate le rose in memoria delle vittime.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Benito Mussolini mantiene la cittadinanza onoraria di Salò. A votare contro la revoca anche l’eurodeputata della Lega Zambelli

next
Articolo Successivo

Aeroporto Firenze, i sindaci della Piana esultano per la bocciatura dell’ampliamento: “Davide ha sconfitto Golia”

next