“I genovesi riavranno il loro ponte entro dodici mesi, fine anno, aprile 2020”. Le dichiarazioni del sindaco-commissario Marco Bucci cambiano con il passare dei mesi, ma sono sempre definitive e univoche, com’è l’atteggiamento che in questi mesi sta gestendo non solo l’emergenza della demolizione e ricostruzione del viadotto autostradale di Genova, ma anche cercando di tenere insieme il tessuto sociale ed economico della città.

Se di ritardo si può parlare, per ora, è comunque solo marginale rispetto al cronoprogramma annunciato dalla struttura commissariale e all’oggettiva eccezionalità della situazione. Rimettendo insieme i servizi che compongono il videoracconto in presa diretta di questi mesi di attese, speranze, promesse e proteste emerge la determinazione da parte dei cittadini genovesi nel rivendicare i propri diritti, in termini di indennizzi per chi ha subito danni diretti e garanzie e tutele per la salute per tutti, in attesa di verità e giustizia per le 43 vittime della strage del 14 agosto 2018.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Macerata, auto travolge e uccide un bambino di nove anni. Investitore ha 70 anni

next
Articolo Successivo

Violenza sessuale di gruppo per 10 anni, cinque arresti a Cosenza: “Donna seviziata anche da 20 contemporaneamente”

next