“I genovesi riavranno il loro ponte entro dodici mesi, fine anno, aprile 2020”. Le dichiarazioni del sindaco-commissario Marco Bucci cambiano con il passare dei mesi, ma sono sempre definitive e univoche, com’è l’atteggiamento che in questi mesi sta gestendo non solo l’emergenza della demolizione e ricostruzione del viadotto autostradale di Genova, ma anche cercando di tenere insieme il tessuto sociale ed economico della città.

Se di ritardo si può parlare, per ora, è comunque solo marginale rispetto al cronoprogramma annunciato dalla struttura commissariale e all’oggettiva eccezionalità della situazione. Rimettendo insieme i servizi che compongono il videoracconto in presa diretta di questi mesi di attese, speranze, promesse e proteste emerge la determinazione da parte dei cittadini genovesi nel rivendicare i propri diritti, in termini di indennizzi per chi ha subito danni diretti e garanzie e tutele per la salute per tutti, in attesa di verità e giustizia per le 43 vittime della strage del 14 agosto 2018.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Macerata, auto travolge e uccide un bambino di nove anni. Investitore ha 70 anni

prev
Articolo Successivo

Violenza sessuale di gruppo per 10 anni, cinque arresti a Cosenza: “Donna seviziata anche da 20 contemporaneamente”

next