I pm di Milano Stefano Civardi e Mauro Clerici hanno impugnato in appello la sentenza con cui, lo scorso luglio, il gup Lidia Castellucci ha assolto in primo grado “perché il fatto non sussiste” Fabio Riva, uno dei componenti della famiglia ex proprietaria dell’Ilva di Taranto, dalle accuse di bancarotta per il crac della holding Riva Fire che controllava il gruppo siderurgico. La Procura, che aveva chiesto una condanna ad oltre 5 anni per l’ex manager, ha depositato un paio di giorni fa il ricorso alla Corte d’Appello che dovrà fissare la data di inizio del secondo grado.

Nella gestione dell’Ilva da parte della famiglia Riva, tra il ’95 e il 2012, aveva scritto il gup nelle motivazioni della sentenza che aveva cancellato le accuse, la società ha investito “in materia di ambiente” per “oltre un miliardo di euro” e “oltre tre miliardi di euro per l’ammodernamento e la costruzione di nuovi impianti” e non c’è stato il “contestato depauperamento generale della struttura”. Tra le accuse, la Procura milanese contestava ai Riva di aver omesso di adottare le necessarie misure per la tutela ambientale, di aver, quindi, risparmiato su costi e investimenti e di aver così “depauperato” la “struttura produttiva non adeguandola alla normativa vigente”. Del tutto opposta la tesi del giudice, secondo cui non ci fu alcuna frode, ma c’era anzi un “progetto di rilancio” da parte dei Riva.

Ora i pm, nel ricorso, scrivono che se i soldi trovati “nei trusts della famiglia Riva, alimentati con le risorse sottratte al gruppo” fossero stati investiti “quantomeno in parte nell’adeguamento degli impianti alle crescenti esigenze di tutela ambientale, anziché andare ad impinguare le tasche dei Riva in modo occulto, la società non sarebbe incorsa nelle note vicissitudini amministrative e giudiziarie comunque connesse alla crisi del gruppo”. La “massima”, scrivono i pm, che sembra possa ricavarsi “dal ragionamento del giudice” di primo grado suona “più o meno così: è lecito per l’imprenditore rubare purché lo faccia per tempo e in modo da non far andare a gambe per aria la società, il che è all’evidenza l’esatto contrario della posizione indiscussa della giurisprudenza in materia fallimentare”. “Solo per completezza – scrivono i pm – si rammenta ancora una volta che l’ammontare delle risorse rinvenute nei trusts della famiglia Riva (sequestrate nell’inchiesta, ndr) alimentati con le risorse sottratte al gruppo corrisponde alla cifra posta dalla legge speciale come provvista per le attività, attuali, di messa in sicurezza ambientale del sito di Taranto”.

Nell’ottobre 2017 Fabio Riva e il fratello Nicola Riva si erano visti respingere da un altro gup la richiesta di patteggiamento (rispettivamente a 5 e a 2 anni), concordata con la Procura, per “incongruità” della pena. La prima bocciatura da parte di un altro giudice risaliva al febbraio 2017. Nel febbraio 2018, poi, Nicola Riva aveva patteggiato 3 anni, mentre Fabio aveva scelto la strada dell’abbreviato. Nel maggio 2017 aveva patteggiato 2 anni e mezzo Adriano Riva, fratello di Emilio, l’ex patron del colosso siderurgico scomparso nel 2014, firmando anche la transazione di rinuncia a quegli 1,1 miliardi sequestrati dai pm nell’inchiesta sul crac della holding. Somma che, con l’aggiunta di altri 230 milioni versati dalla famiglia, era stata destinata in gran parte per la bonifica ambientale dell’area su cui sorge lo stabilimento tarantino.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ruby ter, pm di Siena: “Condannate Silvio Berlusconi a 4 anni e due mesi per corruzione in atti giudiziari”

next
Articolo Successivo

Omicidio Vannini, da ministro Bonafede azione disciplinare per pm che ha seguito il caso: “Provocato ingiusto danno ai genitori”

next