Atterrerà a Pratica di Mare sabato 15 febbraio: Niccolò, il 17enne italiano rimasto bloccato a Wuhan, torna in Italia. La sua partenza era stata rimandata due volte perché febbricitante, nonostante sia risultato negativo al coronavirus. Arriverà su un KC 767A dell’Aeronautica ma, a differenza degli altri due rimpatri di nostri connazionali, avvenuti nei giorni scorsi, stavolta si tratterà di un volo in alto bio-contenimento. Il ragazzino viaggerà in sostanza in una speciale barella isolata proprio come avvenne a gennaio del 2006 con un C-130J, per un paziente con una grave forma di tubercolosi polmonare resistente a ogni trattamento farmacologico, e nel 2014 per fare rientrare dalla Sierra Leone il medico di Emergency malato di Ebola Fabrizio Pulvirenti. Si è deciso di fare rientrare Niccolò con questo volo speciale evitando ulteriori stop alla partenza dalla Cina. una volta atterrato andrà allo Spallanzani.

Il volo in bio-contenimento avviene con un team medico dell’Aeronautica militare specializzato. Il paziente, durante il trasporto aereo, viaggia all’interno di speciali barelle con dei sistemi Ati (Aircraft transport isolator) che medici e infermieri hanno imparato ad utilizzare presso l’Istituto di malattie infettive dell’esercito americano nel Maryland. La squadra a bordo dell’aereo è composta da un team leader (un ufficiale superiore medico), che ha il compito di coordinare la missione, almeno due ufficiali medici (un anestesista ed un infettivologo) e 6 sottufficiali per l’assistenza al malato e per l’esecuzione delle procedure di trasporto. Sostanzialmente il sistema Ati è costituito da un telaio (rigido o semi rigido), da un involucro in PVC (cosiddetto envelope) che permette l’osservazione e il trattamento del paziente in isolamento, da un motore alimentato a batterie che consente di mantenere all’interno una pressione negativa e da filtri ad alta efficienza che impediscono, in entrata ed uscita, il passaggio di micro particelle potenzialmente infette. Il sistema, oltre che sul Boeing, può essere installato sia sui C130j e sui C27j, sia sugli elicotteri HH139 e HH101. L’isolamento del paziente prosegue anche quando l’aereo atterra, grazie al sistema terrestre Sti (Stetcher transit isolator), che è indispensabile per trasferire il soggetto dall’aereo all’ambulanza con la quale verrà poi portato in ospedale.

A bordo dell’aereo c’è anche il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri, presente anche per riportare in Italia nei giorni scorsi un gruppo di connazionali da Wuhan e che ora si trovano in quarantena alla Cecchignola. Un uomo è risultato positivo al virus e si trova attualmente ricoverato all’Istituto Spallanzani di Roma. Per questo motivo il viceministro Sileri si è trovato al centro delle polemiche, perché secondo alcuni avrebbe dovuto anche lui essere sottoposto a isolamento precauzionale.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Cina cambia metodo per la diagnosi: 242 vittime in 24 ore. Rientra sabato il 17enne italiano bloccato a Wuhan

next