Claudio Regeni e Paola Deffendi in audizione nell’organismo bicamerale che deve fare luce sull’uccisione in Egitto del ricercatore friulano. “L’ambasciatore in Egitto Giampaolo Cantini è già da molto tempo che non ci risponde non risponde alle mail”. Sono le parole di Claudio Regeni e Paola Deffendi, i genitori di Giulio, sentiti dalla Commissione bicamerale che deve fare luce sull’uccisione del ricercatore friulano ucciso in Egitto quattro anni fa. “Come primo punto del suo mandato aveva quello di cercare verità e giustizia per Giulio – ha aggiunto Claudio Regeni – Ma evidentemente persegue altri obiettivi rispetto a verità e giustizia. Non prosegue nel nostro caso mentre porta avanti con successo iniziative rivolte all’agevolazione di scambi economici, affari, politica e turismo”. “Abbiamo delle aspettative che voi smuoviate la politica”, concludono i genitori di Giulio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Foto Sardine-Benetton, l’uscita choc di Oliviero Toscani: “Ma a chi interessa che caschi un ponte”

next