Dopo una trattativa difficile al tavolo del ministero dello Sviluppo economico, Whirlpool ha acconsentito a mantenere la produzione a Napoli fino al 31 ottobre. Un addio solo rimandato, dopo che nel pomeriggio sembrava che non ci fosse nessun passo avanti rispetto a quattro mesi fa. Inizialmente infatti l’azienda aveva confermato lo stop della produzione delle lavatrici nel sito di Napoli dal 31 marzo. Una decisione definita dal ministro Stefano Patuanelliinaccettabile“, con i sindacati – Fim, Fiom, Uilm e Ugl – che hanno chiesto di rimanere almeno fino a fine anno. Alla fine il compromesso è stato trovato sulla data del 31 ottobre, garantendo a Invitalia 7 mesi in più di tempo per trovare un nuovo soggetto pronto a subentrare a Whirpool.

Patuanelli “ha confermato il massimo impegno del Governo a trovare una soluzione definitiva per supportare la continuità produttiva dello stabilimento e salvaguardare i lavoratori, anche attraverso gli strumenti già messi a disposizione e tutti gli altri che potranno essere individuati”, si legge in una nota al termine dell’incontro. Nel corso del tavolo, il Mise ha comunicato di aver dato mandato a Invitalia di avviare una analisi dettagliata dei dati certificati forniti da Whirlpool, al fine di identificare soluzioni industriali che consentano di rilanciare l’attività del sito produttivo, attraverso un percorso che possa portare nei prossimi mesi alla presentazione di un nuovo piano industriale che sia sostenibile nel lungo periodo, ma anche in grado di salvaguardare le capacità professionali presenti nel sito di Napoli. Nel mese di febbraio verranno, inoltre, avviati incontri tra le parti in sede aziendale per il monitoraggio dell’andamento dei singoli stabilimenti Whirlpool e sull’utilizzo degli ammortizzatori sociali.

Il ministro Patuanelli ha spiegato ai sindacati la necessità di una mediazione, in mancanza di “strumenti normativi coercitivi che possano impedirle di chiudere attività”. mentre le sigle chiedevano al governo di “costringere Whirlpool a mantenere le produzioni di lavatrici a Napoli così come previsto dall’accordo del 2018“. “La disponibilità di Whirlpool a continuare il percorso produttivo fino al 31 ottobre consentirà già da metà febbraio di proseguire il confronto per una soluzione”, commenta il segretario generale Ugl Metalmeccanici, Antonio Spera, in una nota.

La multinazionale americana dal canto suo ha avvertito che il sito di Napoli perde 20 milioni all’anno e non è più sostenibile. Del resto è dalla primavera del 2019 che la ricerca di una nuova azienda per conto del governo va a vuota. A chi presenterà una manifestazione di interesse verrà chiesta formalmente una proposta vincolante di insediamento accompagnata dal relativo piano industriale. Per ora non si fanno nomi, dopo che la trattativa di Whirlpool con la svizzera Prs-Passive Refrigeration Solutions SA si è interrotta.

L’amministratore delegato di Whirlpool Italia, Luigi La Morgia, ha ribadito che a Napoli “non c’è più sostenibilità economica della produzione di lavatrici” ma che l’Italia resta strategica per il gruppo, con 5mila dipendenti in tutto il paese. Le difficoltà riguarderebbe solo lo stabilimento campano dove l’azienda afferma di essere stata consapevole dei problemi fin dal 2018, ma rivendica di aver cercato di rilanciare la produzione. I 17 milioni di euro previsti per lo stabilimento Whirlpool Napoli saranno redistribuiti sugli altri stabilimenti, ha dichiarato La Morgia.

“Tutte le organizzazioni sindacali hanno ribadito la stessa posizione: metteremo in campo qualsiasi iniziativa affinché Napoli non chiuda anche perché trascinerebbe dietro di sé anche tutto l’indotto con i circa 800 lavoratori, visto che non è nelle condizioni di riconvertire i propri impianti”, aggiunge Spera di Ugl, che ha partecipato al tavolo insieme al coordinatore nazionale Francesco Armandi, al segretario provinciale di Napoli Ciro Esposito e la delegazione delle rsu. “Abbiamo chiesto – sottolinea – al Governo di prendere una posizione che eviti la cessazione delle lavatrici a Napoli, perché non è accettabile che un’altro asset industriale del Mezzogiorno venga dismesso, soprattutto dopo le dichiarazioni di oggi dell’amministratore delegato secondo le quali Whirlpool è in crescita in Europa e sta recuperando quote di mercato, perché gli elettrodomestici da incasso e vanno bene anche tutti i siti Italiani sono in graduale aumento. Ad oggi – conclude Spera – non è ancora chiaro dove Whirlpool intenda continuare a produrre le lavatrici del sito campano”.

“Gravi e inaccettabili le dichiarazioni rese oggi dall’ad Whirlpool La Morgia sulla presunta insostenibilità del sito produttivo di Napoli. Non si può continuare a giocare così con la vita dei lavoratori. Gli accordi si rispettano: Governo e azienda trovino subito la quadra per dare piena continuità a produzione e occupazione nella fabbrica. Tutto il resto è irresponsabile tatticismo“, commenta in una nota Luigi Sbarra, il segretario generale aggiunto Cisl. “Non c’è margine né tempo per le parole: bisogna agire e portare il gruppo al pieno e coerente adempimento degli impegni presi. Il tempo corre e si rischia il disastro. L’azienda non pensi di poter schivare i propri doveri. Si torni immediatamente ai contenuti dell’accordo 2018: rilancio produttivo, ammodernamento degli impianti e salvaguardia dei posti di lavoro. La Cisl non farà un passo indietro e si augura un intervento forte anche da parte del Governo. Senza risposte immediate sarà mobilitazione“, aggiunge.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Legge di Bilancio, ecco tutte le agevolazioni per i datori di lavoro che assumono

next
Articolo Successivo

Lavoro, Istat: “A dicembre occupazione in discesa. Calano di 75mila i dipendenti stabili e i precari toccano un nuovo record”

next