Due maestre di una scuola materna di Vittoria, nel Ragusano, sono state arrestate dalla polizia per maltrattamenti ai danni di bambini a loro affidati. Secondo l’accusa avrebbero insultato, umiliato, spintonato, strattonato e percosso i bambini. Nei loro confronti agenti del locale commissariato e della squadra mobile di Ragusa hanno eseguito un’ordinanza del gip che ha disposto per le due maestre gli arresti domiciliari.

Sono stati i video registrati da telecamere nascoste nella classe dalla polizia ad “accusare” le due insegnanti.. Nei filmati, sottolinea la Questura di Ragusa, emergono “le gratuite e inaudite violenze fisiche e verbali ai danni dei bambini“. In uno si vede una delle maestre rimproverare aspramente un bambino, strattonarlo e colpirlo al viso più volte con schiaffi. La scena avviene mentre gli altri bambini della classe sono seduti per terra e guardano l’aggressione. “Quotidianamente e senza alcun motivo – sottolineano dalla polizia che ha indagato con la squadra mobile di Ragusa e il commissariato di Vittoria – le donne insultavano, umiliavano, spintonavano, strattonavano e percuotevano le povere vittime indifese che ormai, impietrite, sottostavano ai continui maltrattamenti e vessazioni, senza reagire e senza potere, data la tenerissima età, neanche raccontare le angherie subite ai genitori”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Torino, la scritta sul palazzo della figlia di una staffetta partigiana: “Crepa sporca ebrea”

next
Articolo Successivo

Agrigento, giornalista muore di malaria: era appena tornata da un viaggio in Nigeria

next