Alla fine si “rimprovera” sempre bonariamente “Amici di Maria De Filippi” per il suo “pongoregolamento”, ossia cambiare le carte in tavola del gioco all’ultimo minuto e con costanza, ma a sorpresa anche “Il Cantante Mascherato” ha scompaginato il finale. Infatti erano previste due eliminazioni. Prima è stato eliminato il Pavone, che era animato da Manuela Aureli, poi durante il ballottaggio tra il Mastino (ancora una volta sottoposto al giudizio del pubblico) e il Mostro a televoto chiuso, Milly Carlucci ha annunciato a mezzanotte e dieci che il televoto sarebbe rimasto aperto tutta la settimana e che il responso sarebbe slittato di una settimana. Telespettatori increduli e qualche protesta sul Web. Evidentemente l’attesa comparsa sul palco di tre possibili indiziati per la maschera del Leone con Adriano Pappalardo, Al Bano e Max Giusti è andata per le lunghe e la chiusura dello show era tassativa per mezzanotte.

Al rush finale non tutta la giuria ha ancora messo a fuoco il proprio ruolo. Tra Patty Pravo, Ilenia Pastorelli, Flavio Insinna, Guillermo Mariotto e Francesco Facchinetti, proprio quest’ultimo ha compreso alla perfezione la missione. La giuria non deve necessariamente indovinare il personaggio, anzi deve dire dei nomi che possono essere delle valide alternative a quelle che circolano e che risultano vicine alla soluzione finale. Ad esempio, per il Mostro – da molti identificato con Fausto Leali – Facchinetti ha suggerito Drupi, che in effetti per vocalità si avvicina al cantante.

Guillermo Mariotto si è mostrato ancora una volta fuori contesto e assolutamente non adatto al suo ruolo. Già la scorsa puntata il giudice aveva etichettato la performance dell’Angelo come la “versione gay di Zucchero”. La maschera ha prontamente replicato: “L’ho trovata una buona performance, soltanto in un momento c’è stata una stonatura e non era la mia. Non un giudizio da parte sua sul canto o se abbia regalato un’emozione, mi ha solo appiccicato un’etichetta. Prima di etichettare le persone bisogna ricordarsi che ognuno di noi è anche molto altro e fra noi due, quello che indossa la maschera sei tu. Sto bene quando canto ed è sempre stato così, smetto di pensare e sono libero”.

La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata la frase con la quale ha accompagnato la sua scelta di spedire l’Angelo (potrebbe esserci Valerio Scanu sotto la maschera) in Finale. “Voglio la quota gay in finale”, sono state le parole infelici del giurato. Al di là del fatto che non necessariamente una maschera che si è professata sensibile di animo, deve essere collocata in una casella precisa, ma poi non si spiega perché Mariotto abbia spinto l’acceleratore sul tema, in modo fuorviante e decontestualizzato. La conduttrice sarebbe dovuta intervenire per evidenziare l’infelice frase. Forse la sua presenza maliziosa e polemica è pertinente più alle dinamiche di “Ballando con le stelle” che a “Il Cantante Mascherato”. In finale venerdì prossimo sicuramente sul palco ci saranno il Coniglio (Teo Mammucari è il più accreditato), il Leone e l’Angelo. Poi si saprà il responso del televoto tra il Mastino e il Mostro.

Ancora una volta “Il Cantante Mascherato” ha battuto il “Grande Fratello Vip” anche se entrambi i programmi sono in calo. Lo show di Rai Uno si attesta su 3.788.000 spettatori pari al 18.7% di share, mentre il reality show di Canale 5 (terminato più di un’ora dopo) ha raccolto 2.761.000 spettatori e 16.2% di share.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grande Fratello Vip, i concorrenti parlano nella notte di contratti e compensi: la regia stacca la telecamera ma è troppo tardi

next
Articolo Successivo

Barbara Alberti vuole lasciare il Grande Fratello Vip: “Non lo so giocare questo gioco”. Ma se abbandona rischia di perdere tutto il cachet

next