Sono iniziate a Baghdad, dove si conta un milione di persone scese in strada, diverse manifestazioni anti-Usa, collaterali alle proteste quotidiane per il carovita. L’appello contro la presenza delle truppe americane nel Paese è stato lanciato dal leader sciita Moqtada al-Sadr, a capo di un partito che guida il maggior gruppo politico parlamentare. L’invito è stato esteso anche alle milizie filo iraniane, tra le quali Kataib Hezbollah. Sulle porte dell’ambasciata Usa nella capitale irachena è stato affisso un volantino di ammonimento contro ogni tipo di azione rivolta ai danni della sede diplomatica.

“Se il governo americano si rifiuterà di lasciare l’Iraq, verrà trattato come un Paese ostile e occupante” ha dichiarato al-Sadr rivolgendosi ai manifestanti. “Non vogliamo una guerra contro gli americani in terra irachena”, ha proseguito, aggiungendo che “Baghdad deve cancellare tutti i contratti firmati con gli Stati Uniti nell’ambito della sicurezza e chiudere il suo spazio aereo alle operazioni militari” americane.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Usa, Trump decide lo stop ai visti per le donne incinte. “Basta al turismo delle nascite. Proteggiamo la cittadinanza americana”

next